PREMIO LOUIS-JEANTET A LUIGI NALDINI, DIRETTORE DEL SAN RAFFAELE TELETHON

La Fondazione Louis-Jeantet ha assegnato a Luigi Naldini, direttore dell’Istituto San Raffaele Telethon Insititute for Gene Therapy (SR-Tiget) e professore ordinario presso l’Università Vita-Salute San Raffaele, il premio Louis-Jeantet 2019 “per la sua pionieristica attività di ricerca, che ha portato la terapia genica dal contesto sperimentale alle prime applicazioni cliniche, grazie a cui sono già stati trattati pazienti con diverse malattie genetiche”.

Il Prof. Naldini ha ricevuto, infatti, il prestigioso premio Louis Jeantet per il suo contributo fondamentale nell’avanzamento della terapia genica quale strumento che dalla sua messa a punto al banco oggi è una strategia di cura per diverse malattie, tra le quali la Beta Talassemia, in grado di cambiare la vita, soprattutto di offrirne una, a persone che non avevano la speranza di un futuro.

Il premio non celebra solo i risultati ottenuti, ma l’innovazione che li ha permessi e che permetterà di raggiungerne di nuovi, infatti è destinato ad essere reinvestito sui progetti per dare ulteriore energia e slancio all’approccio innovativo (in particolare verso l’editing genetico) nel campo della ricerca sulle malattie genetiche rare.

Dalla sua istituzione, nel 1986, ad oggi il premio è stato conferito a 90 ricercatori eccellenti, 12 dei quali hanno poi ricevuto il Nobel.

Lo stesso premio è stato conferito nel 2016 al Prof. Ballabio (direttore dell’Istituto Telethon di Pozzuoli).

Riconoscimento di grande importanza che inorgoglisce tutti coloro che, come noi di Maurelli Group, fanno parte della community della Fondazione Telethon, che lotta ogni giorno contro le malattia genetiche rare.  

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp